centro-pecci-di-prato-nuovi-spazi-foto-di-ivan-d-ala-1

@fotocentropecci

 

Il nuovo Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato ha riaperto il 16 ottobre 2016, dopo il completamento dell’avveniristico ampliamento a forma di navicella spaziale dell’architetto di stanza a Rotterdam Maurice Nio e la riqualificazione dell’edificio originario di Italo Gamberini. In occasione della sua riapertura, il Centro Pecci presenta la mostra La fine del mondo, a cura del direttore Fabio Cavallucci con la collaborazione, oltre che del team interno, di un nutrito gruppo di advisor internazionali (16 ottobre 2016 – 19 marzo 2017). Attraverso le opere di oltre 50 artiste e artisti internazionali e con un allestimento che si estende sull’intera superficie espositiva del museo di oltre 3000 metri quadrati, la mostra si configura come una specie di esercizio della distanza, che spinge a vedere il nostro presente da lontano.

 

edu_day-7-di-27

EDUCAZIONE

In occasione della riapertura, l’attività didattica del Centro Pecci, avviata da Bruno Munari negli anni ’80, viene potenziata attraverso una programmazione innovativa e una ricca offerta educativa. Il Centro Pecci infatti, già dal 2015, ha intrapreso una serie di iniziative, rivolte sia ad adulti che a studenti di ogni età, finalizzate a far comprendere come l’arte sia capace di investigare le tematiche più interessanti per la società, costituendo un ponte tra produzione artistica e vita quotidiana delle singole persone.
Sappiamo che il museo del futuro sarà qualcosa di diverso e qualcosa di più rispetto a quello che è oggi. Non possiamo quindi essere un contenitore di oggetti, ma vogliamo invece diventare il luogo della multidisciplinarietà, in cui ci si confronta con l’attualità e con la vita.

 

edu_day-9-di-27
L’attività educativa gioca quindi un ruolo fondamentale, soprattutto quella per gli studenti.
I progetti ideati per la mostra sono una serie di esperienze indirizzate alla comprensione dell’arte contemporanea non solo e non tanto sul piano manuale, bensì su quello concettuale.
Attraverso semplici laboratori realizzati in relazione ai temi della mostra e alle opere degli artisti, sarà possibile assimilare i meccanismi di pensiero propri della creatività artistica attuale e capire che l’arte di oggi non è qualcosa di distante da altre attività della vita, ma può al contrario gettare luce sulla realtà e farci comprendere alcuni suoi aspetti inediti.

 

edu_day-19-di-27

 

Per partecipare alle attività didattiche è necessario prenotare inviando una mail all’indirizzo

edu@coopculture.it

tel. 848082408

Le visite guidate e le attività didattiche sono gestite in concessione da Società Cooperativa Culture e Keras Società Cooperativa.

Scarica i pdf con le offerte educative:

pratomusei-infanzia-primaria-pecci

pratomusei-secondaria-ii-grado-pecci-1

www.centropecci.it

edu_day-3-di-27 edu_day-4-di-27 edu_day-6-di-27 edu_day-8-di-27 edu_day-10-di-27 edu_day-11-di-27 edu_day-12-di-27 edu_day-13-di-27 edu_day-14-di-27 edu_day-15-di-27  edu_day-17-di-27 edu_day-21-di-27 edu_day-22-di-27 edu_day-23-di-27 edu_day-24-di-27 edu_day-26-di-27

Leave a Comment